Facebook ci rende immortali

Facebook, una delle “ex” start up più note del mondo, ci rende immortali. Almeno, questo è quello che pensa Adam Cohen, che su un recente numero del New York Times si sofferma sulla sorte delle pagine e delle bacheche personali post-mortem. Sul sito web del quotidiano americano trovate un estratto delle sue considerazioni, alle quale vi rimandiamo.